#DEVOTIO2022     IT | EN
Patrocini
Coordinamento culturale
Media partner
Temporary sponsor
Event partner
  • Aggiornamento ufficiale: DEVOTIO CAMBIA DATA

    In seguito all'emergenza sanitaria della diffusione del Covid-19 informiamo che DEVOTIO è stata posticipata al 13/15 febbraio 2022... Leggi l'informativa completa
Stampa

Comunicati Stampa

08-10-2017

Comunicato Stampa
“DEVOTIO”: 9 OTTTOBRE, DUE INCONTRI SU “I CINQUE SENSI DELLA LITURGIA E LA CELEBRAZIONE DEI DIVERSAMENTE ABILI” E “CELEBRARE CON LA LUCE”



Riflessione su come far vivere meglio l’habitat liturgico: 
verso i diversamente abili per connetterli maggiormente al rapporto di incontro con la celebrazione, fino al importanza del illuminazione degli edifici liturgici

BOLOGNA, 8 - 11 OTTOBRE 2017 – QUARTIERE FIERIISTICO DI BOLOGNA-PAD.33

Il tema “I cinque sensi nella liturgia” caratterizza la prima edizione di Devotio, Esposizione di prodotti e servizi per il mondo religioso, dall’ 8 all’11 ottobre 2017, presso il Quartiere Fieristico di Bologna, Padiglione 33. Affronta la sensorialità nella liturgia come esperienza importante mediante il coinvolgimento degli elementi costitutivi della spazialità, della ritualità, del incontro di relazione comunitaria.  Non a caso tatto, gusto, vista, udito e odorato sono direttamente stimolati dall’azione liturgica e attraverso le esperienze sensoriali è possibile vivere la partecipazione con gli altri.

Gli incontri di lunedì 9 ottobre, allo Spazio Arena del pad. 33, affrontano due aspetti fondamentali del habitat liturgico: ne “I cinque sensi nella liturgia e la celebrazione dei diversamente abili” si parla di come difronte al attenzione della percezione della sensorialità nel esperienza liturgica si possa aiutare a coinvolgere maggiormente le persone con varie disabilità a godere appieno della celebrazione e del incontro di relazione comunitaria che si instaura. Viene sottolineato, nel tema scelto dagli organizzatori di Devotio, come sia compito della liturgia terrena il

rendere possibile la partecipazione alla liturgia attraverso il coinvolgimento di tutta la “sensorialità umana” in un’esperienza di “incanto e di bellezza”.

Modera Leonardo Servadio, giornalista, direttore Jerusalem, architetture per il culto.  Lo spazio oltre l’infinito.

“Celebrare insieme ai diversamente abili” è il tema affrontato nel intervento di Massimiliano Rabbi,  presidente Fondazione Don Mario Campidori - Simpatia e Amicizia Onlus. Rabbi sottolinea quanto sia importante l’esperienza della celebrazione, che non è concepita oggi tanto come rito ma come incontro della fede accessibile a tutti. A partire da un agevole accesso all’edificio di culto, fino all’esperienza sensoriale e spirituale con coinvolgimento attivo nelle varie fasi, dal offerta dei doni al canto, per citarne alcune. “Tutto questo va a toccare i temi della teologia affettiva”- sottolinea Rabbi “del aspetto relazionale della fede. L’iniziazione alla liturgia si muove all’interno di una partecipazione attiva della persona disabile. Parto dal esperienza vissuta al Villaggio senza barriere opera della chiesa diocesana bolognese, nato sotto il ministero sacerdotale di Don Mario Campidori (di cui si celebra il centenario dalla nascita). Infatti bastano pochi accorgimenti per aiutare bimbi, disabili e anziani a vivere meglio l’esperienza liturgica”. Rabbi sottolinea pochi semplici accorgimenti: eliminare le barrire architettoniche di accesso all’edificio di culto; entrare e vedere: mettere le persone disabili nelle prime file per guardare agevolmente la celebrazione; coinvolgere nel canto anche chi ha difficoltà a farlo con il battito di mani che accompagna la melodia; coinvolgerle nel momento di offerta dei doni; focalizzare i vari interventi in modo personalizzato in base alle esigenze della persona non vedente o non udente, o chi ha difficoltà di mobilità, caso per caso.

L’intervento di Claudia Manenti, architetto, direttore Centro studi per l’architettura sacra - Fondazione Lercaro, si concentra su “I sensi e i simboli dello spazio liturgico”. Mentre Andrea Grillo, professore di Teologia e filosofia della religione al Pontificio ateneo Sant’Anselmo Roma, si interroga su “Liturgia celeste e liturgia terrena: il ruolo dei cinque sensi” e “Corpo e spirito nella Liturgia”.

 

Nel pomeriggio, dalle 14.00 alle 17.00,  con il tema “Celebrare con la luce” si discuterà dell’utilizzo della luce quale simbolo e al servizio della liturgia. L’importanza della luce nell’edificio di culto è fondamentale come per ogni architettura, sottolineano a Devotio, al punto da risultare ovvia la connessione tra la luce e l’architettura stessa nell’edificio liturgico. Nel incontro i relatori evidenziano come la luce non solo “serve” la liturgia ma assume un ruolo simbolo ed è perciò materia primaria di progetto dell‘habitat liturgico. In questo senso il progetto dell’illuminazione, il governo della luce, è parte integrante del progetto culturale della Chiesa. Modera l’architetto Barbara Fiorini e interviene Giorgio della Longa, architetto, lighting designer, membro della Consulta dell’Uffi cio liturgico nazionale della CEI.

Nello spazio dedicato alla vista si intende proporre infatti uno riflessione su ciò che è stato e su ciò che oggi, con le tecnologie di cui disponiamo, può essere concepito e realizzato.

Quale l’approccio corretto al tema? Quali procedure adottare? Quali componenti tecniche considerare. Ed inoltre, rispetto la luce naturale, come valutare contestualmente l’intervento di restauro o sostituzione di vetrate?

Si risponde alle varie domande toccando i temi fondamentali dell’illuminazione artificiale, da un lato delle chiese storiche e dall’altro nelle chiese moderne e contemporanee. Senza dimenticare la qualità della luce e risparmio energetico: con approfondimenti sulla tecnologia Led e sulla gestione della luce artificiale. Infine il fascino delle vetrate, emblema delle chiese ma anche una importante analisi su luce naturale e progetto contestuale.

Ulteriori informazioni sul sito www.devotio.it, dove è possibile consultare il programma in continuo aggiornamento, l’elenco espositori, scaricare il biglietto omaggio e registrarsi ai convegni.

 

Per informazioni:

Ufficio stampa Devotio

press@devotio.it

Tel. +39 0542 641731

DEVOTIO, Esposizione di prodotti e servizi per il mondo religioso è organizzata da OFFICINA EVENTI srls



Scarica il comunicato stampa