IT | EN
Patrocini
Coordinamento culturale
Media partner
Temporary sponsor
DEVOTIO LAB

Programma Incontri

09-10-2017

I CINQUE SENSI NELLA LITURGIA E LA CELEBRAZIONE DEI DIVERSAMENTE ABILI


Lunedì 9 ottobre 2017
ore 10.30-13.00
Spazio Arena, Padiglione 33

«Nella liturgia terrena la Chiesa partecipa, pregustandola, a quella celeste che viene celebrata nella santa città di Gerusalemme, alla quale tende come pellegrina» con queste parole del Messale Romano la Chiesa ricorda come sia compito della liturgia terrena il rendere possibile la partecipazione alla liturgia della Gerusalemme celeste attraverso il coinvolgimento di tutta la sensorialità umana in un'esperienza di incanto e di bellezza. Come stimolare i cinque sensi attraverso il concertato concorso di tutti gli elementi costitutivi la spazialità e la ritualità liturgica?

Tatto, gusto, vista, udito e odorato sono direttamente coinvolti dall'azione liturgica e attraverso l'esperienza sensoriale è possibile vivere la partecipazione comunitaria liturgica e percepire la nostalgia della Patria Eterna. Ma quando una disabilità impedisce la piena presa sensoriale dell'esperienza liturgica quali possibilità ci sono per un vero coinvolgimento della persona diversamente abile?

modera LEONARDO SERVADIO, giornalista, direttore Jerusalem, architetture per il culto. lo spazio oltre l'infinito
ore 10.30 I sensi e i simboli dello spazio liturgico
CLAUDIA MANENTI,
architetto, direttore Centro studi per l’architettura sacra - Fondazione Lercaro
ore 11.00

Liturgia celeste e liturgia terrena: il ruolo dei cinque sensi
ANDREA GRILLO, professore di Teologia e filosofia della religione al Pontificio ateneo Sant'Anselmo Roma

ore 11.30

Corpo e spirito nella Liturgia
ANDREA GRILLO, professore di Teologia e filosofia della religione al Pontificio ateneo Sant'Anselmo Roma

ore 12.00

Celebrare insieme ai diversamente abili
MASSIMILIANO RABBI, presidente Fondazione Don Mario Campidori - Simpatia e Amicizia Onlus

ore 12.30

Dibattito e conclusioni


L'incontro si rivolge a sacerdoti e collaboratori, liturgisti, responsabili diocesani, architetti, operatori e comunità di accoglienza disabili e tutti coloro che si occupano di liturgia, pastorale, beni culturali e spazi architettonici ecclesiastici.
È stato richiesto il riconoscimento di crediti formativi CFP all'Ordine degli Architetti.


VAI ALLA SCHEDA DI ISCRIZIONE
SCARICA LA LOCANDINA DEL CONVEGNO